Recensione de “L’ultimo sorriso” di Alfonso Pistilli

Un valido poliziesco italiano

Libri e Emozioni vi presenta con piacere un poliziesco meritevole, dalla trama interessante e verosimile, “L’ultimo sorriso”  di Alfonso Pistilli.

Il protagonista è Alessandro Cocco, un ragazzo comune senza particolari doti, se non la tenacia e la schiettezza dei suoi sentimenti; un giovane italiano come tanti, purtroppo, che non riesce a realizzarsi nel lavoro e che vive una relazione complicata con Alessandra, brava ragazza che, però, aspira a qualcosa di più di un precario e non troppo brillante agente di viaggio porta a porta. 

La vita banale di Alessandro viene a un certo punto sconvolta dall’omicidio di una escort straniera, Halina. Il fatto è che Alessandro conosceva bene la giovane prostituta, non come cliente, ma come amico; un rapporto, il loro, fatto di improbabile rispetto reciproco e confidenze. All’ombra della squadra di calcio di Bari, immerso in una calura estiva soffocante, Alessandro inizia la sua indagine parallela a quella ufficiale della polizia, per capire e scoprire perché Halina sia stata uccisa e da chi. Molte le situazioni complesse e pericolose che si trova ad affrontare, tanti i personaggi anche equivoci che incontra e con cui si scontra, non per ultima una eccentrica ispettrice che, in seguito, accetta di coinvolgerlo marginalmente.

Il mondo patinato del jet set, i soldi e tutto ciò che di negativo può derivare dall’averne tanti in un modo fatto di sotterfugi e temibili inganni, investono un ragazzo che vive ancora a casa con i genitori, sicuramente non pronto a recitare in un teatro più grande di lui, facendogli rischiare addirittura la vita.

Dove condurranno le indagini di Alessandro? Chi ha ucciso Halina per sbarazzarsi di una scomoda pedina?

Alfonso Pistilli vi illustra un mondo che, i più tra noi, conoscono solo superficialmente o non conoscono affatto, accontentandosi di leggere qualche pettegolezzo  nelle riviste che di solito hanno più foto che righe scritte. Eppure la sua storia non è inverosimile, perché in una situazione del genere potrebbe effettivamente ritrovarsi ogni Alessandro che è in noi.

Pistilli ha uno stile scorrevole e sintetico, con il quale descrive con evidente amore Bari nei suoi chiaro-scuri propri di ogni città.

“L’ultimo sorriso” è un libro che consiglio, un poliziesco con personaggi attinenti alla realtà, dove non ci sono supereroi o menti geniali più simili al database di un computer, ma individui con pregi e (molti) difetti, accomunati dall’apparentemente banale omicidio di una prostituta straniera.

Paola Bianchi

L’ULTIMO SORRISO

ALFONSO PISTILLI

2018 PUBME

Recensioni , , ,

Informazioni su librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.

Precedente Recensione de “Un cuore bastardo” di Sonia Alemi Successivo Recensione de “Più di tutto” di Lullaby