Recensione de “Un cuore bastardo” di Sonia Alemi

Un romanzo erotico dalla trama interessante

Libri e Emozioni vi presenta oggi il romanzo di Sonia Alemi, “Un cuore bastardo”.

Chi segue il mio blog sa ormai che i romanzi erotici non sono tra le mie letture preferite, sebbene legga ugualmente i testi che mi inviano, alla ricerca forse di qualcosa oltre la sciorinatura di tecniche sado-maso che, onestamente, mi annoiano con la loro scontata ripetitività. Spesso purtroppo mi confermano invece proprio ciò che non mi piace, quindi li accantono decidendo di non scrivere una recensione che sarebbe ovviamente negativa al massimo, imputando solamente al mio gusto personale il palese insuccesso che ho davanti.

Non è questo il caso. “Un cuore bastardo” è sicuramente un libro erotico, ma dietro le descrizioni di amplessi vari e fantasiosi, esiste fortunatamente anche una trama e, la protagonista ha una sua consistenza come personaggio. 

Pubblicato in self a luglio del 2017, “Un cuore bastardo” ci presenta un momento particolare della vita di Samantha, la protagonista, una giovane laureata in lingue, che fatica a trovare il suo posto nel mondo. Un passato di sofferenza per l’assenza del padre che si è rifatto una vita in Inghilterra influenza negativamente le sue scelte e quindi il suo destino. È proprio a Londra che arriva il primo, inaspettato, forte schiaffo morale: il rifiuto di suo padre e la conseguente perdita del lavoro appena iniziato, la gettano nella più profonda incertezza, rendendola facile preda di un irlandese senza scrupoli e spiantato che tenta di introdurla alla prostituzione. 

La situazione che si trova suo malgrado a gestire e che la porta a fuggire dalla Gran Bretagna per tornare in Italia, la fa entrare però in contatto con la parte più intima di se stessa, le fa scoprire, in qualche modo, il suo essere fisicamente donna e le fa capire quanto potrebbe essere vantaggioso sfruttare la sua bellezza. Tuttavia, Samantha non può cambiare la sua vera natura e quindi la sua ingenuità continua a farla cadere in balìa di uomini senza scrupoli, spesso ai margini della legalità.

Nella sua nuova vita a un certo punto appare Matthew, con cui Samantha inizia un gioco piccante e pericoloso dai risvolti incerti e struggenti.

Cosa ne sarà dei due amanti? La loro storia appassionata è destinata a continuare evolvendosi o, Matthew sarà per Samatha l’ennesima conferma della futilità e della vuota cupidigia del genere maschile?

Vi invito a leggere “Un cuore bastardo” di Sonia Alemi, per sapere quale futuro la scrittrice ha pensato per la sua sfrontata protagonista.

Paola Bianchi

Senza categoria , , ,

Informazioni su librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.

Precedente Segnalazione de "E il Diavolo s'innamorò" di Marta Arvati Successivo Recensione de “L’ultimo sorriso” di Alfonso Pistilli