Intervista a Aurora Myth, quando la creatività sposa l’altruismo

Libri e Emozioni intervista per voi oggi una giovane autrice milanese dalle mille risorse. Studentessa universitaria e modella, amante delle storie e dei libri fin da quando era bambina, si è cimentata di recente nel mondo della scrittura per sostenere con l’acquisto dei suoi libri due associazioni con cui collabora.

Rory Myth è infatti una ragazza sensibile, che offre il suo aiuto a due case famiglia (una per bambini fino ai 12 anni, l’altra per ragazzi fino ai 18 non compiuti che dopo aver raggiunto la maggiore età dovranno essere avviati al mondo del lavoro e quindi non sono più sotto la tutela della casa famiglia, problematici e senza famiglia), gestite da due parroci. Essendo appunto no profit, sopravvivono grazie ai finanziamenti di privati, statali e della curia, che riescono a coprire per buona parte le spese di gestione, vitto e alloggio dei cuccioli (lei i bambini e i ragazzi li chiama teneramente così), libri e materiale da cancelleria per la scuola e il catechismo, ma non hanno abbastanza denaro per ammodernarsi. Ai cuccioli mancano oggetti di tipo ludico, banalmente un mazzo di carte nuovo, peluche, giochi… questi sono carenti e/o talmente vecchi che sono tutti rovinati.

Fonte: Aurora Myth
Fonte: Aurora Myth

La scrittrice si augura che con i suoi libri possa intervenire quantomeno dal punto di vista ricreativo.

 

La prima domanda che mi sento di porti è: quando hai iniziato a scrivere e cosa vuoi trasmettere ai tuoi lettori?

Ho iniziato a scrivere qualche anno fa, più o meno all’ultimo anno delle superiori, più perché avevo scoperto che inventare storie era in grado di farmi scaricare lo stress, che per vero intento di pubblicare racconti, infatti i miei principali ‘lavori’ erano fanfiction sui miei artisti e attori preferiti. Il romanzo che ho pubblicato di recente è nato inizialmente anch’esso come fanfiction, e solo successivamente, un paio di anni dopo, rivisto e reso originale. Prima di compiere il grande salto e condividere la mia storia con i lettori rendendola disponibile al download su Amazon, ho riflettuto a lungo. Ne sarebbe valsa la pena? I lettori avrebbero apprezzato il mio stile leggero e poco impegnato? Il mio scopo infatti era sempre stato questo: poter fornire a chi avesse acquistato il mio libro una storia semplice, lineare e pulita, con personaggi che avessero le stesse caratteristiche delle persone comuni. Insomma un’avventura che chiunque, io, tu, il mio vicino, la tua vicina, avrebbero benissimo potuto vivere in prima persona se non fosse per la componente fantastica del romanzo. Spero di esserci riuscita!

 

Il tuo romanzo “Black Angels White Demons” è particolare e presenta protagonisti tipicamente fantasy. Da dove trai l’ispirazione per creare le tue storie e i tuoi personaggi?

L’ispirazione mi arriva da tantissime cose… Un sogno, una piccola scenetta a cui assisto per le vie del mio paese vicino a Varese dove abito ora, guardare i turisti che si affrettano per le strade trafficate di Milano mentre sorseggio un tè caldo dopo un lungo giorno di lezione all’università, un racconto di un’esperienza vissuta dai miei colleghi modelli dopo uno shooting mentre ci apprestiamo a cambiarci per tornare a casa, e i miei amici stessi. Loro non lo sanno, ma alcuni miei personaggi sono ispirati a loro! LOL Insomma tutto potenzialmente è di aiuto allo sviluppo della trama di una storia.

Fonte: Aurora Myth
Fonte: Aurora Myth

A quale dei tuoi protagonisti sei più affezionata e perché?

Tra i miei personaggi quello che amo di più è la protagonista femminile del mio libro, Bethany, in quanto è un connubio perfetto di me e della mia migliore amica, scomparsa tragicamente in un incidente d’auto quattro anni fa. È anche un po’ merito suo se adesso sono qui a parlare di un mio vero libro. Mi ha veramente spronata moltissimo e il mio mettermi in gioco come scrittrice lo devo a lei.

 

Quali sono i tuoi progetti futuri?

I miei progetti futuri? Bah, per ora voglio concentrarmi sull’università, nel frattempo sto scrivendo un secondo libro, questa volta un vero Romance Rosa, che come questo sarà di aiuto alle due case famiglia con cui collaboro grazie alle vendite. Colgo l’occasione per ringraziare fin d’ora chi mi sta supportando acquistando il libro che ho pubblicato quest’anno.

 

Qual’ è il libro a cui sei più legata?

I libri a cui sono più legata sono quelli della saga di Harry Potter perché mi hanno fatto entrare per la prima volta nel mondo, anzi, nell’universo fantasy e me lo hanno fatto amare tanto da aver scatenato in me una vera passione. Ammetto però di essere una lettrice avida di qualunque genere, dai gialli ai rosa, dagli erotici agli storici.

 

Quale libro famoso avresti voluto scrivere tu?

Bella domanda! In realtà credo, come tutti gli scrittori penso, che mi sarebbe piaciuto essere J. K. Rowling. Credo che come donna e come scrittrice abbia fatto la storia.

 

Dove possono seguirti i nostri lettori?

Ho una pagina facebook come autrice e un profilo personale, inoltre sono spesso attiva anche in Instagram. Lascio i miei link per chiunque volesse contattarmi privatamente. Nel limite del ragionevole, sono sempre disposta a scambiare quattro chiacchiere!

 

Pagina autrice: https://www.facebook.com/RoryMyth/

Profilo personale: https://www.facebook.com/aurora.myth

Profilo instagram: https://www.instagram.com/auroramyth/

 

Ringraziamo Aurora Myth per il tempo che ci ha dedicato e vi invitiamo a seguire questa scrittrice emergente e a leggere il suo libro “Black Angels White Demons”, anche per aiutarla ad aiutare i ragazzi disagiati di cui ci ha parlato. È bellissimo quando la cultura e la creatività sposano la sensibilità e l’altruismo.

Interviste , ,

Informazioni su librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.

Precedente Dieci anni di lettere … Successivo Recensione de “Le regole di Hibiki” di Cristiano Pedrini, l'importanza dei buoni sentimenti.