Recensione di “Dolce Risveglio” di Donatella Perullo

Fonte: Amazon

Il profumo del limone che ti avvolge, la musica di Pino Daniele che ti intrattiene e sullo sfondo una Napoli illuminata, calda e accogliente come un abbraccio sincero. È questa la dolce atmosfera che saluta il lettore del nuovo romanzo di Donatella Perullo, facente parte della collana Chef per amore della Leggereditore di Sergio Fanucci Editore.

“Dolce Risveglio” è un romance doc, che ci fa conoscere Gilia, la protagonista, una ragazza alle prese con speranze e delusioni credibili e quindi maggiormente sentite, perché le vicende che si trova ad affrontare non sono né anomale, né irrealizzabili, ma proprie della vita comune e condivise da moltissime donne.

Le difficoltà negli studi, il sogno di una vita, la famiglia e le amicizie, tutto il suo mondo sembra a un certo punto vacillare, sgretolarsi sotto i colpi dell’amarezza e dell’insicurezza causate da una realtà inaspettata, subdola e crudele. Qui inizia il romanzo, il racconto di chi, nonostante tutto, cerca di sopravvivere e lasciarsi alle spalle le frustrazioni più aspre.

La maggior parte di noi ha vestito almeno una volta i panni della fenice, toccando il fondo e quindi risalendo più forte di prima. Ecco, questi “sopravvissuti” sanno perfettamente quanto il dolore rimanga comunque latente, influenzando i nostri pensieri e le nostre decisioni e, ovviamente, i rapporti e le relazioni con gli altri.

Gilia rappresenta tutto ciò, quindi è facile identificarsi con questa giovane donna, caparbia, ma sensibile, empatica e corretta.

Accanto a lei l’amica Abeba, personificazione dell’amicizia sincera e positiva e Olivia, la freschezza della fanciullezza, che con il suo sorriso e il suo carattere frizzante riempie il vuoto nel cuore e rende possibile, con la sua presenza, l’impensabile realizzazione del sogno. Un sogno che ha tante sfaccettature perché comprende sia la vita sentimentale, che quella professionale. Un sogno che per essere raggiunto necessita del risveglio da un sonno che troppo a lungo ha intorpidito la mente e il cuore.

“Al momento giusto, saprà trovarla e allora nascondersi non le servirà, il suo cuore è addormentato, non morto. Vedrà che prima o poi anche per lui ci sarà un dolce risveglio.”

“Dolce Risveglio” è un romanzo scorrevole in cui lo stile della Perullo emerge chiaramente, riuscendo ad affiancare al rosa anche una leggera sfumatura di nero. Giocano in questo un ruolo fondamentale Matteo e Marco, i due uomini nella vita di Gilia che rappresentano la sincerità, il fascino e la possibilità l’uno, e la crudeltà, la negatività e il pericolo l’altro. Quanto inciderà il loro comportamento nella vita della protagonista e come riuscirà quest’ultima a risolvere i problemi derivati dalla loro presenza?

Sono rimasta entusiasta di questo libro, di cui ho apprezzato la trama, la descrizione dei personaggi e dei paesaggi e i piccoli colpi di scena che, senza invadenza, spolverano un po’ di peperoncino la storia.

“Sotto di lei, in lontananza, Napoli, illuminata quanto il cielo stellato, era adagiata sulla riva del mare come una sirena in attesa del suo amante e la luna brillava sull’increspatura dell’acqua in mille scintille d’argento.”

Le pagine scorrono velocemente al ritmo della curiosità con cui il lettore desidera scoprire “la prossima ricetta”; e di ricette ce ne sono molte in questo romance, grazie anche alla partecipazione del famoso chef italiano Simone Rugiati, il conduttore di Cuochi e Fiamme, che ha scelto di presentare questa collana.

“Dolce Risveglio”, un romanzo da gustare come una delizia al limone.

 

Paola Bianchi

 

DOLCE RISVEGLIO

DONATELLA PERULLO

COLLANA CHEF PER AMORE

LEGGERE EDITORE DI SERGIO FANUCCI

SETTEMBRE 2017

DISPONIBILE IN CARTACEO E IN EBOOK

PAG. 156

Recensioni , ,

Informazioni su librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.

Precedente Segnalazione di "Quarzo (la leggenda del sangue di drago)" di Andrea Righi Successivo Segnalazione di "Felice perché ho te" di Hazel Pearce