Scrivere e Leggere per reagire ad un trauma subito

I Libri come terapia

di

Paola Bianchi

bonura

Scrivere e leggere possono essere due validissimi strumenti per reagire ad un trauma subito. Questo è ciò che sostiene la psicologa Maria Luisa Bonura, coordinatrice del servizio Aurora della Fondazione famiglia materna di Rovereto.

«Perché le narrazioni, a differenza delle “spiegazioni dei fatti”, permettono di riscoprirsi autori di nuove possibili storie e di rileggere la propria esperienza cogliendone il senso emotivo e le possibili direzioni di sviluppo». (cit)

La Bonura ha infatti sperimentato insieme alle donne vittime di violenza ospiti della struttura, come i libri possano costituire un aiuto come sostegno psicosociale.

«I libri diventano strumenti di cambiamento per chi ha subìto un trauma di questo tipo, “luoghi” di ricerca personale per chi sta riscostruendo la propria autonomia». (cit)

Questa lodevole iniziativa è stata possibile grazie alla collaborazione di alcune librerie trentine, tra cui La Seggiolina Blu e Il Papiro, a Trento, Mondadori e Piccolo Blu, a Rovereto con l’obiettivo comune di fornire una biblioteca alla Aurora Fondazione famiglia materna.

«Attraverso i libri queste donne possono aiutare i propri bambini e le proprie bambine a costruire un immaginario libero dalla violenza e da quegli stereotipi di genere che spesso condizionano i rapporti tra uomini e donne». (cit)

Il libro, grazie all’uso della metafora, ad esempio, può avere un impatto positivo nella crescita personale della lettrici e, come precisa la dottoressa Maria Luisa Bonura, «Le donne rinascono anche dai libri che scelgono e trovano in  essi le parole per raccontare ai loro figli la libertà» (cit)

 

Pubblicato da librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.