Recensione di “Aspettando te” di Carlotta Pino

La vita di Shannon trascorre in Svezia, dove la sua famiglia di origine italiana si è trasferita e ha aperto un ristorante quando lei era ancora una neonata.

La madre è la reale valida presenza nel suo mondo, mentre il padre è prevalentemente assente e, non solo fisicamente.

Un giorno in un capo estivo in cui si reca a passare tre mesi di vacanza con Kelly, la sua migliore amica, incontra un ragazzino particolare, Derek, che la colpisce immediatamente.

Tra i due giovanissimi nasce subito una profonda amicizia e un rapporto che influenzerà, nonostante tutto, il loro futuro.

 

Derek non ha certamente un’indole tranquilla, forse anche per i problemi legati alla sua famiglia e, soprattutto, alla vita condotta dal compagno della madre. Quando i problemi economici spingono i suoi alla decisione di trasferirsi a Napoli, da alcuni parenti, per Shannon scoppia un fulmine a ciel sereno.

Eppure fino all’ultimo io avevo sperato che si girasse, che guardasse i miei occhi, loro gli avrebbero detto ciò che io non ero riuscita a confessargli in questi mesi. Forse perché ancora non era chiaro neanche a me. Loro gli avrebbero detto che lo amavo e che quello era il vero motivo per cui non volevo che partisse quel giorno. Non stavo perdendo il mio complice, il mio migliore amico, stavo perdendo molto di più, e lo stavo capendo quando era tardi.

La ragazza continua ovviamente la sua vita, ma la mancanza del suo amico non si attenua fino a quando, dopo ben sette anni, grazie a kelly riesce a ritrovarlo.

 

Una vacanza ad Amalfi sarà l’occasione di un incontro desiderato, ma mai pensato possibile.

Lui si era avvicinato a me e aveva iniziato a baciarmi, spogliandomi così di tutte le mie paure. Sentivo l’odore della sua pelle, quella bocca calda, quei baci lenti e profondi. Quelle mani che mi sfioravano dolcemente e i suoi occhi mi guardavano con un’intensità pazzesca, ci facevo l’amore solo guardandoli. Tutto di lui mi eccitava in quel momento.

 

Cosa accadrà dopo?

Chi si troverà davanti Shannon, il suo caro amico o una persona completamente diversa e estranea?

Tra litigi e riappacificazioni, speranze e delusioni, vi invito a scoprire l’epilogo della storia tra Shannon e Derek, una vicenda tratta da una storia vera, durata lunghi anni, che può farci riflettere sulle occasioni mancate e sulle tempistiche sbagliate in cui, spesso, vengono fatte delle scelte.

 

Il romanzo è scritto con uno stile scorrevole, non noioso e, la trama non scontata, coinvolge il lettore che cerca conferma e smentite alle proprie aspettative sui personaggi e sulle loro azioni.

 

Immagini prese da Amazon.it

 

 

Recensioni , ,

Informazioni su librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.

Precedente Segnalazione di "Social in Love" di Tiziana Cazziero Successivo "Giochi di Luna" di Paola Bianchi a Parole di Carta su Idearadio