Oggi nasceva Belli, padre del sonetto romanesco e della cultura popolare

Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli nacque a Roma il 7 settembre 1791 e morì sempre nella capitale il 21 dicembre 1863.

Fonte: biografieonline.it
Fonte: biografieonline.it

Il poeta scrisse ben 2279 sonetti romaneschi, testimoni delle ideologie del popolo romano del diciannovesimo secolo.

A causa dell’invasione francese, la sua famiglia si trasferì temporaneamente a Napoli, per poi rientrare a Civitavecchia nel 1800, dove Gaudenzio, il padre del Belli, aveva trovato lavoro al porto.

Nel 1812 entrò nell’Accademia degli Elleni, istituto filo-francese, ma quando in seguito ad una disputa fu fondata l’Accademia Tiberina, il Belli passò nella nuova fondazione che ospitava gli oppositori dell’impero.

La sua florida carriera terminò a causa di un colpo apoplettico. È sepolto nel Cimitero del Verano a Roma.

Fonte: it.wikipedia.org
Fonte: it.wikipedia.org
«Io qui ritraggo le idee di una plebe ignorante, comunque in gran parte concettosa ed arguta, e le ritraggo, dirò, col concorso di un idiotismo continuo, di una favella tutta guasta e corrotta, di una lingua infine non italiana e neppur romana, ma romanesca. »
(Giuseppe Gioachino Belli, introduzione alla raccolta dei sonetti)

Da un punto di vista letterario, si tratta della produzione più corposa della poesia dialettale italiana dell’Ottocento, e, in termini linguistici, si tratta di un documento di inestimabile valore sulle mille possibili articolazioni del romanesco, di cui isola un tipo oramai classico, mentre il tempo trascorso ha provveduto a farlo evolvere.

I sonetti spesso richiamano i proverbi.

Omaggi

Informazioni su librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.

Precedente Il 7 settembre tutti al Festival di Mantova. Successivo Recensione di “Mistral” di Laura Clerici - la storia di una vita tra passione e mistero