Tutti noi abbiamo i nostri mulini a vento contro cui combattere

Miguel de Cervantes

cervantes

Quattrocento anni fa moriva a Madrid Miguel de Cervantes, autore del celeberrimo Don Chisciotte.

Il protagonista principale della sua opera è un classico esempio di anti-eroe, che combatte sconfitto in partenza contro un mondo che allora, come oggi, difettava già di valori e ideali.

La vita stessa di Cervantes fu simile alla trama di uno dei suoi romanzi e sicuramente le sue disavventure contribuirono ad ispirare i particolari eventi occorsi al suo personaggio più amato. Imbarcato giovane su una galea della Lega Santa partecipò alla Battaglia di Lepanto, perdendo l’uso della mano e cadendo prigioniero dei pirati che lo imprigionarono per cinque lunghi anni.

Anche la sua vita sentimentale non fu semplice e oltre all’amore, anche le finanze lo abbandonarono presto.

La prima parte del Don Chisciotte della Mancia fu pubblicato nel 1605 e la seconda dovette aspettare ben dieci anni. Nel romanzo, come nella vita dell’autore, sottile e spesso confusa appare la linea tra realtà ed illusione.

 

Paola Bianchi

 

Omaggi

Informazioni su librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.

Precedente Sabato in Poesia Successivo Breve omaggio all'amato Bardo