A Bécherel la settimana di Pasqua è all’insegna della cultura

Bécherel, la città del libro

di

Paola Bianchi

 

La settimana di Pasqua all’insegna della cultura

Becherel

In Bretagna, nel dipartimento dell’Ille-et-Vilaine, esiste una piccola città che ha conquistato il titolo di Città del Libro. Ci riferiamo a Bécherel ed alle sue tredici librerie che servono poco più di ottocento abitanti.

Ogni prima domenica del mese si svolge una fiera del libro e durante la settimana di Pasqua viene organizzato addirittura un Festival, il Fureur de lire.

Dal 1986, inizialmente per risanare la crisi economica che aveva colpito l’industria tessile, i piccoli librai del nord della Francia vendono i propri libri sia nuovi, che usati, esponendoli in bancarelle sparse per tutto il paese.

Nel 1988 l’iniziativa fu condivisa da due villaggi amanti della lettura, Redu dans les Ardennes in Belgio e, Hay-on-Wye au Pays in Galles.

Per chi avesse il desiderio di visitare Bécherel, e immergersi sì nella particolare atmosfera della carta stampata, ma fare anche altro, consigliamo mete turistiche, come la Torre di S. Joseph, il castello di Montmura, le rocce del Diavolo e ancora tanti altri luoghi interessanti.

Pubblicato da librieemozioni

Romana di nascita, ma cittadina del mondo, Paola Bianchi è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne e insegna lingue e materie letterarie, oltre a lavorare come correttrice di bozze e traduttrice. Appassionata di tutto ciò che ruota intorno ai libri ha un proprio blog, www.librieemozioni.altervista.com, che considera un salotto aperto agli amanti della scrittura e della lettura, e ha fondato a Civitavecchia, dove vive, un Club Letterario. Attualmente scrive per il Magazine Caffebook e ha già pubblicato numerosi articoli anche per giornali locali. Il saggio “La Figura del Vampiro dalle origini ai nostri giorni, nelle opere di Anne Rice e Joseph Sheridan Le Fanu” come il romanzo breve “Giochi di luna”, e “Finzione o realtà?” racconto pubblicato in e-book nella raccolta “Raccontami una Storia”, rispecchiano la sua passione per il genere horror, a cui si affiancano anche quello fantasy e thriller.